lunedì 13 agosto 2018

Si liberi la Calabria dal mascheramento dei traditori


L’elaborazione di pensiero equilibrato, basato su elementi di ragionevolezza, proprio dello stile intellettuale, non è mai sbilanciato verso coloro che non sono capaci di apportare un contributo sano, personale, autentico alla società, questi, piuttosto, assurgono ad adulatori sterili, replicando infelicemente ciò che già è stato inciso dal tempo, ovvero: sono servi dell’apparire al soldo della corte di, parafrasando Papa Francesco, inutili idioti. Chi non è padrone di sé, è facilmente occupabile, asseriva Antonio Rosmini e, aggiungo, da stoltezze di altri! Ed è qui il mascheramento dei traditori: esso determina un passo di strabismo, una posizione doppia e obliqua di decadenza dell’uomo, rispetto alla storia, rispetto alla sua edificazione umana.  

sabato 4 agosto 2018

Il cambiamento nella radice di Calabria


Per entrare agli inferi, secondo lo scrittore Pausania, era necessario bere da due fontane: l'una chiamata Lete, che faceva dimenticare le cose passate; l'altra chiamata Mnemosine, che consentiva di ricordare ciò che si sarebbe visto nell'aldilà. Preludio di analogie per i nostri tempi e la mia terra di Calabria, in cui troppo spesso si dimentica la radice di ciò che si è, ciò che si fa, e non se ne fa memoria. La coscienza, tuttavia, per chi riesce a trovarne sostanza, rimane vigile. Ecco che, per analogia, l'onesta gente di Calabria darà spazio, con cuore, a una coscienza sana, memore della radice greca, civile, che ha nobilitato la storia.

martedì 17 luglio 2018

Cirò - Mammola, e la presenza spirituale di un bene comune: S. Nicodemo da Sikròs


Una giornata speciale vissuta nella terra generosa e accogliente di Mammola (RC), in occasione del Convegno dedicato all'Abate Apollinare Agresta, il 12 luglio 2018. Cirò (KR) e Mammola (RC), condividono la presenza spirituale di un bene sacro e comune: le Sante Reliquie di S. Nicodemo da Sikròs, condiviso è, altresì, il Patronato. I Santi uniscono i Popoli, in Essi alberga il desiderio puro della pace, del Noi umanità. Dal senso profondo del Sacro nasce e cresce fecondità sociale.
Quando la verità storica è a servizio della conoscenza può solo nobilitare i territori e la cultura. Dal 1696 si è creduto che San Nicodemo abate, fosse nativo di Cirò (KR). Ma è stato errore prodotto dalla interpretazione del nome del luogo, inesattezza dipanata e superata da ricerche approfondite e avvedute. L’errore venne generato e trascritto nel testo Vita di S. Nicodemo Abbate dell’Ordine di S. Basilio Magno, da parte dell’Abate Apollinare Agresta. Studio accurato ha superato l’errore, e ha dato verità alla storia di un Santo che ancora oggi ha molto da insegnare. Si evincono, così, elementi da cui si appura che il luogo nativo del Santo fu Sikròs, nel circondario di Palmi.

mercoledì 11 luglio 2018

Solennità di San Benedetto da Norcia

Ancora oggi, San Benedetto fruttifica sia nel suo operato dell’istituzione monastica, sia attraverso l’attualità del suo messaggio. Prodigiosa la scritta che accoglie il visitatore che sale sino allo Speco di Subiaco: “Nonnisi in obscura sidera nocte micant” - “Le stelle brillano di più, quanto più fonda è la notte “. Quanto più profonda è la ‘decadenza’, quanto più imprevedibili gli sbocchi, tanto più ricchi di luce le lezioni e le opere. 

venerdì 25 maggio 2018

Creare valore sociale nel dibattito politico


Pensare di creare valore sociale trascurando o calpestando i valori spirituali e morali, è pura illusione nel dibattito politico. Opportuna riflessione parrebbe quella di riportare precisione nell'abuso linguistico, che molte volte si fa, dei termini: cultura, libertà, democrazia. Soprattutto bisogna, in qualche modo, valorizzare il beneficio del dialogo al fine di una sempre più consapevole civile società. Il rigore intellettuale non può che soccorrere l’impegno civile: se la cultura non aiuta a trasformare la società, a migliorarla, a donare prospettive e visioni di futuro possibile, liberando dalla confusione, non aiuta alla comprensione, essendo la cultura stessa strumento rivoluzionario. Se non contribuisce a ciò, risulta del tutto superflua. Solo indossando l’abito deciso, rilucente della scienza, del pensiero costruttivo, l’uomo potrà abitare le questioni socio-politiche, solo così sarà in grado di fornire strumenti di alto interesse, concreti punti di sviluppo per l’edificazione umana e per la vita della collettività.

martedì 15 maggio 2018

San Nicodemo monaco di Calabria. Fuoco manifesto di magnanimità


S. Nicodemo è originario di Sikròs. Lo studio di fonti mette in luce come spesso, nel passato, errate interpretazioni o affermazioni approssimative, abbiano indotto molti studiosi in errori che si sono tramandati nel tempo, condizionando una più autentica lettura della storia. È necessario poter andare oltre quegli elementi che la pietà popolare ha introdotto nel corso dei secoli narrando fatti tramandati, spesso oralmente, la gran parte dei quali amplificati o minimizzati dalla spinta emozionale. Ogni opera ha il suo tempo adatto, dice il sapiente Salomone. Ciò che si compie fuori tempo non solo non ha efficacia, ma addirittura riesce riprovevole; di conseguenza, invece, è assai chiaro che qualunque cosa buona collocata nel suo proprio ambito, sia utile.  Inizia così il Sermone sulla vita del santo padre nostro Nicodemo ad opera dell’umile monaco Nilo. Forse questo, quindi, è il tempo adatto per tributare giusto onore al Santo Padre Nicodemo, è questo il tempo attraverso cui la terra di Calabria si accomodi, con gratitudine e ossequio, a porgere dovuto tributo a un suo figlio che, come genuino germoglio ha saputo rendersi fecondo in spirito, alto in virtù umana, protettore dei giusti, amorevole verso quanti di lui, già in vita, riconoscendone prodigi, potenza e carità, lo hanno venerato.

giovedì 3 maggio 2018

Poesia, filosofia, pensiero sociale: linee guida del successo alla presentazione del libro Nudità dell’Essere di Maria Francesca Carnea


Nella splendida Sala Capitolo del Pontificio Ateneo Sant'Anselmo, si è svolta il 27 aprile u.s., la presentazione del saggio Nudità dell’Essere della scrittrice e filosofa Maria Francesca Carnea. L’evento è stato moderato dal giornalista Daniele Imperiale, consigliere regionale dell’Ordine, e ha visto relatori, oltre all'autrice, Maria Francesca Carnea, docente di Comunicazione e Spiritualità, coordinatrice del Corso in Scienza politica e Spiritualità, presso l'Anselmianum; il Rev. P. Gregory Gresko, O.S.B., Segretario Generale dell’Abate Primate e docente di teologia dell'Anselmianum; Lucio D’Ubaldo, direttore de “Il Domani d’Italia” e già Senatore della Repubblica italiana.

venerdì 20 aprile 2018

CORSO DI ALTA SPECIALIZZAZIONE in SCIENZA POLITICA E SPIRITUALITÀ


La specializzazione di Teologia spirituale della Facoltà di Teologia e la Facoltà di Filosofia del Pontificio Ateneo Sant'Anselmo, si fanno promotori del Corso di alta specializzazione in “Scienza politica e Spiritualità”A carattere precipuamente politico-spirituale, il Corso è volto a incoraggiare a una ripresa di valori umani, a far acquisire una consapevole autonomia di pensiero che conduca ad una edificazione dell’umanità, ad un innovato umanesimo.

martedì 17 aprile 2018

Presentazione libro "NUDITÀ DELL’ESSERE"


Roma - Nella splendida cornice del Pontificio Ateneo Sant'Anselmo, sarà presentato il libro "NUDITÀ DELL’ESSERE".

Esploro, attraverso la vita reale, gli abiti da indossare, abiti che non coprono la nudità ma ne rafforzano esistenza e carattere: le virtù umane a servizio del prossimo. La nudità dell’essere, attraverso il pensiero, entra nel grande emporio dei valori umani dimenticati e li richiama a vita, ad abiti di cui rivestire l’umanità impoverita, resasi fragile, assai vulnerabile, disabitata da sé. E lo fa attraverso l’incanto della ricerca nell'altro, fragore di coscienza che inquieta. Il libro indaga nei campi della teologia, della filosofia, delle tematiche sociali, della giustizia, dell’etica e della comunicazione, alla ricerca del senso della vita. Non possiamo rimanere indifferenti, la vita si nutre e mai di niente, e parlare all'uomo, portarlo a riflettere, è dato che valorizza pienamente la sua nudità”. 

sabato 14 aprile 2018

Dire no alla guerra è un dovere per la politica responsabile

Venti di guerra, assurdi nefasti interventi segnano territori, segnano la vita umana, e nulla insegnano se non il regresso di una società che ancora crede che l’uso delle armi, l’uso della forza porti la pace, o sedi tumulti nei territori. La guerra non ha armi legittime e armi illegittime, non è una corsa di ammonizione su chi ha cosa, su chi ha potenza missilistica da esibire e potenza economica da decantare, la guerra è solo morte e distruzione.  

giovedì 29 marzo 2018

Servire e non servirsi


Egli non è venuto per essere servito, ma per servire, e dare la Sua vita restituendoci libertà e salvezza. Con la presenza della Grazia si superano timori, paure, si alimenta comprensione, profonda sensibilità, esercizio di bene dire e bene fare. Ma porsi domande è un dovere: per la società è utile chinarsi, interessarsi al prossimo? È utile servire? Dov'è l'umiltà del servire?

mercoledì 28 marzo 2018

Il tradimento di Giuda


È storia di duemila anni or sono, che ha segnato definitivamente la linea di demarcazione tra il bene e il male. L'uomo, la sua miseria, l'arsura di potere, l'arroganza, la supponenza, la fragilità immonda. Ma è anche storia dei giorni nostri, Giuda è l'eterno in vita che semina figliolanza in tradimento, dolore, sofferenza, per il suo assurdo rimanere nano! Eppure ha avuto il privilegio di essere scelto dal Gigante dei Giganti che, pur sapendo il suo agire, non ha violentato la sua volontà, che non è un lasciare fare, ma amore e desiderio di lasciare, con attenzione, libertà di maturazione umana fino alla fine. Non c'è Amore più grande della fiducia, della libertà donata, e non tolta, non c'è Amore pregiato più della gratuità. Esiste però, negandosi alla maturità, il dolore atroce del tradimento, ferita che lascia scorrere sangue vivo nell'indifferenza totale. 

venerdì 9 marzo 2018

NUDITÀ DELL’ESSERE



Perseverando scientemente nell'amore per la verità, provo a meritare la fiducia della vita, con gratitudine, producendo contributo di pensiero critico e, nel contempo, costruttivo, persuasa che non la scienza, da sola, ma congiunta con la carità, e innestate di poesia e sano pensiero, nobilitino l’uomo e la società, edificandoli. È inesaudibile e senza tempo il bisogno umano di conoscenza, eguagliabile solo al bisogno infinito d’amore, e la ricerca, il voler capire, proprio della natura umana, non lascia mai l’uomo indifferente, soprattutto nel diletto dell’indagine. 

venerdì 2 marzo 2018

Al di là dei populismi, sbocci il sentimento politico

Sia sempre vigile la capacità critica, si giunga al voto con mano sulla coscienza, anche per l’astensionismo che, nel caos, è la scelta imposta dal buon senso. Ma, mano sulla coscienza, nel senso inteso da Tommaso d’Aquino: conoscenza. Si abbia amore per il nostro futuro, qui non si scherza, la realtà non è data dai social, i vari media che propinano l’impossibile più improbabile. La realtà di una società è fatta di doveri e servizi reali, cui l’intera classe politica, ambigua, ha abiurato: il lavoro, quindi il pane è sacro, la casa è sacra, questo non è marxismo, diceva La Pira, ma è Vangelo. Tali temi barcollano, almeno quanto il non prendere posizione rispetto alle associazioni malavitose. La realtà di una società è fatta di diritto che, con l’ultima trovata della legge elettorale, ci vene negato nella scelta di voto. 

lunedì 26 febbraio 2018

Il laicato cattolico, oltre la faziosità e la confusione dei valori

Il credente agisce come cittadino nello spirito e nella lettera della Costituzione e impegna se stesso, la sua categoria, la sua classe, il suo partito, non la Chiesa. È quanto sostenne Alcide De Gasperi nel 1954, ma questo intendere sembra proprio lontanissimo dall’esercizio politico attuale, in cui tutto è strumento da usare, di tutto ci si serve, secondo buona misura machiavelliana che giustifica i mezzi, senza tener conto che il fine del pro bonum facere segue altri dettami e valori. 

sabato 17 febbraio 2018

Dialogo con Giordano Bruno: la libertà di pensiero è un dovere 

Ancilla, sappi che la libertà di pensiero è un dovere, non un diritto, il dovere proprio di ogni creatura di riconoscere che generoso riguardo si deve al lume d’intelletto, capace di superare, per amore del Cielo, ogni inettitudine e limite umano. È il dovere di riconoscere che al Bene si deve tendere, quel Bene d’Infinito da cui deriviamo. Il dovere è moto di coscienza, passione che incarna l’amore per il prossimo, innestando la vita.

martedì 13 febbraio 2018

La ragione non frena gli “appetiti” disordinati, soprattutto in politica


Frenare gli “appetiti” disordinati dipende dal libero arbitrio, illuminato dalla luce d’intelletto. Oggi tale rifermento si è svuotato di contenuto, cadendo nel relativismo più sfrenato ed effimero. Ambire l’ambiguo, politicamente, non trova spazi di ragionevolezza nel savio intelletto. L’errore del disordine non muove, né ha la sua causa in un oggetto sensibile, che alletta la volontà senza costringerla, ma nella volontà dell’uomo che, lasciandosi invogliare da quel bene disordinato voluto, da soddisfare, si volge verso di esso, contro l’ordine della ragione e della natura. 

martedì 6 febbraio 2018

Riaccendere un umanesimo politico

Di umanesimo politico si deve parlare: disporre tutto il proprio impegno sociale in funzione della persona, dei suoi valori, al fine di ravvivarne senso etico. Lo Stato acquista autorità proprio per salvaguardare queste realtà preesistenti ad esso, e deve potersi caratterizzare ripudiando ogni idealismo o utopia politica. Un sano realismo fortifica, permea tutta una concezione politica che è espressione di una intrinseca visione naturale. 

lunedì 15 gennaio 2018

Coerenza etica e di verità in politica


Dal concetto di libertà cosa emerge? Prendere parte alle decisioni della comunità politica, essere partecipi del processo di discussione e deliberazione nel quale vengono prese decisioni che riguardano tutto l’insieme dei cittadini. Pertanto, non si tratta mai, soltanto, di una libertà dalla politica, intesa come fuga dalla dimensione pubblica e rifugio nel privato, esenti da occupazioni e preoccupazioni. La poesia permette di cogliere la straordinaria importanza che il termine libertà custodisce: Libertà vo cercando, ch’è sì cara, come sa chi per lei vita rifiuta. (Virgilio - I canto del Purgatorio di Dante)